CONTATTI | INFORMAZIONI | DIVENTARE SOCI | SOSTENERE L'ASSOCIAZIONE  
   
[ Giornale 09 gennaio 2014  Disponibile la XXXIII Edizione! PeggioRedazione 03 maggio 2013  Farò del mio peggio News vince il primo premio al "Giornalista per un giorno" Giornale 08 aprile 2013  Disponibile la XXXI Edizione Giornale 24 dicembre 2012  Disponibile la XXIX Edizione Giornale 05 novembre 2012  Disponibile l'edizione XXVIII del "Farò del mio peggio News"! PeggioRedazione 01 novembre 2012  Aggiornata la redazione del giornalino! Giornale 15 giugno 2012  Disponibili l'Edizione XXVI e XXVII del Farò del mio peggio News ]
  HOME | EDIZIONI | REDAZIONE | STORIA | DOCUMENTI | ARTICOLI | CAVOLATE | WEBTV |GALLERIA | LINK | RASSEGNA  
odg

Concorso Nazionale "Fare il giornale nelle scuole"
Vincitore Nazionale VIII Edizione

 
Premio Nazionale "Giornalista per un giorno"
Vincitore Nazionale IV-V-VI-VII-VIII-IX-X Edizione
Primo Premio Nazionale X Edizione
alboscuole
Edizioni
E' on-line il
34^ Numero!!! 34Numero
» Vai alle Edizioni
login
Login

User:

Password:



Password dimenticata?
Vuoi diventare socio?

webtv
Web-Tv
Eventi previsti:
Nessun evento previsto

yt Canale YouTube della Redazione
 
» Vai alla Web-Tv
fb
Facebook
rss
Puoi sottoscrivere i nostri Feed RSS cliccando qui oppure puoi riceverli via e-mail:

cavolate
Cavolate

AICARDI: Corrente illuministica... Detta anche elettricità


» Vai alle Cavolate
Animali|Ambiente|Attualità|Costituzione|Diritti|Editoriali|Informazione|Interviste|Musica
PeggioRedazione|Politica|Racconti|Recensioni|Religione|Rubriche|Satira|Scienza
Scuola|Società e Costume|Storia|Sport|Tecnologia e Rete|TV e Media|Varie|
 
Voglia di vivere
Klea Elezi | 19 agosto 2010 alle 16:06:03

La vita riserva ad ognuno di noi soluzioni diverse. Alcuni vivono nell'oro, altri rotolano nel fango. Gli ultimi, spesso, usano i risparmi di una vita per emigrare e migliorare le proprie condizioni . Ma quando giungono nei paesi stranieri si trovano a fare i conti con una società dura, che, alle volte, non offre loro una buona prospettiva per il futuro o li discrimina in base alla loro religione , all'origine o al colore della pelle.

I più fortunati trovano, al loro arrivo, una famiglia ad attenderli che offre loro un tetto sopra la testa e col passare del tempo si integrano nella comunità, anche se il sospetto nei loro confronti non cessa di esistere. Altri, meno fortunati, cercano di sopravvivere, ammassati con altri connazionali in baracche di cartone, per strada e nelle sale d'attesa delle stazioni ferroviarie.

Il degrado materiale spinge molti immigrati nelle mani della criminalità e, grazie anche alla “propaganda razzista” fatta dai media, larghi strati della popolazione italiana considera tutti gli immigrati come delinquenti e fonte del malessere nazionale. Molti di loro hanno ragione ad essere arrabbiati per i crimini commessi da pochi, ma hanno anche altrettanto torto a giudicare negativamente i molti che vivono la loro vita onestamente. Nel torto sono anche sindaci e deputati della Lega Nord quando affermano: “Metodi nazisti per gli immigrati”, “ Punire dieci stranieri per ogni torto fatto ad uno di noi”. Sono frasi inaccettabili che armano la mano di menti deboli e disperati, fascisti e naziskin, alimentando una guerra fra poveri di cui vediamo in questi giorni i risultati.

Quando poi gli immigrati, condannati per crimini, ritornano in libertà grazie ad una serie di diritti previsti dalla legge italiana , non è colpa loro, ma della giustizia italiana che da tempo ha smesso di funzionare. E nulla viene fatto per migliorarla perché non si vuole rischiare che funzioni davvero e allora, insieme agli extracomunitari, finirebbero dentro tutti, politici compresi!

    
Perciò, cittadini, che avete sopportato anche troppo, chiedetevi se il pericolo giunga esclusivamente dagli immigrati o magari anche da quelle persone nelle cui mani avete deciso di porre il vostro futuro. E prima di giudicare, provate a conoscere e cercate di aiutare tante persone il cui unico desiderio è quello di voler vivere una vita migliore.

 

 



515 visualizzazioni | 0 commenti | |

Aggiungi un commento:
Nome
Cognome

Leave this empty:

 

www.farodelmiopeggio.it - Sito web realizzato da Roberto Palermo - Grafica di Andrea Quinci, in collaborazione con Simone Massardo - Testata di Gianluca Morena