CONTATTI | INFORMAZIONI | DIVENTARE SOCI | SOSTENERE L'ASSOCIAZIONE  
   
[ Giornale 09 gennaio 2014  Disponibile la XXXIII Edizione! PeggioRedazione 03 maggio 2013  Farò del mio peggio News vince il primo premio al "Giornalista per un giorno" Giornale 08 aprile 2013  Disponibile la XXXI Edizione Giornale 24 dicembre 2012  Disponibile la XXIX Edizione Giornale 05 novembre 2012  Disponibile l'edizione XXVIII del "Farò del mio peggio News"! PeggioRedazione 01 novembre 2012  Aggiornata la redazione del giornalino! Giornale 15 giugno 2012  Disponibili l'Edizione XXVI e XXVII del Farò del mio peggio News ]
  HOME | EDIZIONI | REDAZIONE | STORIA | DOCUMENTI | ARTICOLI | CAVOLATE | WEBTV |GALLERIA | LINK | RASSEGNA  
odg

Concorso Nazionale "Fare il giornale nelle scuole"
Vincitore Nazionale VIII Edizione

 
Premio Nazionale "Giornalista per un giorno"
Vincitore Nazionale IV-V-VI-VII-VIII-IX-X Edizione
Primo Premio Nazionale X Edizione
alboscuole
Edizioni
E' on-line il
34^ Numero!!! 34Numero
» Vai alle Edizioni
login
Login

User:

Password:



Password dimenticata?
Vuoi diventare socio?

webtv
Web-Tv
Eventi previsti:
Nessun evento previsto

yt Canale YouTube della Redazione
 
» Vai alla Web-Tv
fb
Facebook
rss
Puoi sottoscrivere i nostri Feed RSS cliccando qui oppure puoi riceverli via e-mail:

cavolate
Cavolate

(Si sta parlando di oroscopi...)

PROF. CALZONA: Se io dico: "oggi tu non morirai" probabilmente ci azzecco!

GROSSO: Prof, se oggi muoio poi la vengo a cercare!


» Vai alle Cavolate
Animali|Ambiente|Attualità|Costituzione|Diritti|Editoriali|Informazione|Interviste|Musica
PeggioRedazione|Politica|Racconti|Recensioni|Religione|Rubriche|Satira|Scienza
Scuola|Società e Costume|Storia|Sport|Tecnologia e Rete|TV e Media|Varie|
 
Tra pestaggi e diritti negati
Marta Messeri | Diritti | 19 agosto 2010 alle 16:47:08
Tra pestaggi e diritti negati, la situazione degli omosessuali, rimane una questione di grande rilievo. Le loro rivendicazioni in alcuni paesi stentano ad affermarsi, come conseguenza del fatto che, a causa dell’ignoranza, gli omosessuali non vengono considerati “persone con eguali diritti”, cosa che ovviamente sono.Per cercare di sottolineare tale concetto, è necessario rivolgere uno sguardo alla situazione europea. Molte nazioni, infatti, consentono sia il matrimonio che l’adozione per le coppie omosessuali. Un rapporto governativo tedesco ha, inoltre, evidenziato che i bambini allevati da coppie gay, crescono come gli altri e spesso la mancanza di una figura maschile o femminile viene compensata dall’affetto dei genitori. La conclusione centrale dell’indagine scientifica è che “per lo sviluppo dei bambini non è decisiva la struttura della famiglia, bensì la qualità dei rapporti all’interno della famiglia”. Una sfida di civiltà sarà far accettare questo risultato scientifico al resto dell’Europa.La Corte Europea che, fortunatamente, spiana la strada alle adozioni per le coppie del medesimo sesso, è consapevole del fatto che, in particolar modo nei paesi cattolici, il processo di accettazione non sarà automatico. Tuttavia, negarlo completamente vorrebbe dire violare due articoli della Convenzione Europea dei Diritti Umani e subire di conseguenza una condanna da parte dell’Unione Europea.Probabilmente, tale eventualità riuscirà a smuovere la situazione in Italia, dove si discute della questione da anni senza risultati. Nel frattempo, però, nel nostro paese si verificano episodi, vergognosi, di pura discriminazione. Aggressione, pestaggi e ingiurie a danno degli omosessuali  sono praticamente all’ordine del giorno. Ora, che l’Italia sia un paese culturalmente arretrato è risaputo in tutto il mondo ma, dopo il rifiuto del nostro Parlamento di approvare una legge contro l’omofobia, il nostro paese ha toccato il fondo del baratro dell’ignoranza e della vergogna! Perché, come afferma la psicopedagogista Maria Rita Parsi, “lo scandalo vero è l’ignoranza”. Non è possibile che nostri connazionali, perché  omosessuali, abbiano paura ad uscire di casa nel proprio paese, teoricamente democratico. Essendo cittadini e, soprattutto, persone, i gay hanno il diritto di essere tutelati e protetti. Cosa che in Italia non avviene e che, come per tutte le cose nel nostro stato, avrà bisogno di parecchio tempo per affermarsi.In conclusione, le proposte e le concessioni offerte dall’Unione Europea agli omosessuali e che fanno onore all’uguaglianza fra individui, necessitano di una maggiore spinta per riuscire ad infiltrarsi nella resistente muraglia di ignoranza eretta dai paesi come il nostro. 



637 visualizzazioni | 0 commenti | |

Aggiungi un commento:
Nome
Cognome

Leave this empty:

 

www.farodelmiopeggio.it - Sito web realizzato da Roberto Palermo - Grafica di Andrea Quinci, in collaborazione con Simone Massardo - Testata di Gianluca Morena