CONTATTI | INFORMAZIONI | DIVENTARE SOCI | SOSTENERE L'ASSOCIAZIONE  
   
[ Giornale 09 gennaio 2014  Disponibile la XXXIII Edizione! PeggioRedazione 03 maggio 2013  Farò del mio peggio News vince il primo premio al "Giornalista per un giorno" Giornale 08 aprile 2013  Disponibile la XXXI Edizione Giornale 24 dicembre 2012  Disponibile la XXIX Edizione Giornale 05 novembre 2012  Disponibile l'edizione XXVIII del "Farò del mio peggio News"! PeggioRedazione 01 novembre 2012  Aggiornata la redazione del giornalino! Giornale 15 giugno 2012  Disponibili l'Edizione XXVI e XXVII del Farò del mio peggio News ]
  HOME | EDIZIONI | REDAZIONE | STORIA | DOCUMENTI | ARTICOLI | CAVOLATE | WEBTV |GALLERIA | LINK | RASSEGNA  
odg

Concorso Nazionale "Fare il giornale nelle scuole"
Vincitore Nazionale VIII Edizione

 
Premio Nazionale "Giornalista per un giorno"
Vincitore Nazionale IV-V-VI-VII-VIII-IX-X Edizione
Primo Premio Nazionale X Edizione
alboscuole
Edizioni
E' on-line il
34^ Numero!!! 34Numero
» Vai alle Edizioni
login
Login

User:

Password:



Password dimenticata?
Vuoi diventare socio?

webtv
Web-Tv
Eventi previsti:
Nessun evento previsto

yt Canale YouTube della Redazione
 
» Vai alla Web-Tv
fb
Facebook
rss
Puoi sottoscrivere i nostri Feed RSS cliccando qui oppure puoi riceverli via e-mail:

cavolate
Cavolate

(Lezione di storia della costruzione...)

D’ANTONA: Prof, pesa più un kg di vetro o uno di cemento?

PROF. xXx: sicuramente un kilo del tuo cervello peserà molto meno... Non dico altro perché poi arrivano le denunce...


» Vai alle Cavolate
Animali|Ambiente|Attualità|Costituzione|Diritti|Editoriali|Informazione|Interviste|Musica
PeggioRedazione|Politica|Racconti|Recensioni|Religione|Rubriche|Satira|Scienza
Scuola|Società e Costume|Storia|Sport|Tecnologia e Rete|TV e Media|Varie|
 
Ru486: dall'etica del dolore alla civiltà dei diritti
Alba Muka | Attualità | 19 agosto 2010 alle 16:50:59

Sì, è una realtà! E’ entrata in Italia (anche se con 20 anni di ritardo) la pillola abortiva RU486: sicuramente una scelta doverosa delle autorità sanitarie, che mette l’Italia in linea  con il resto del mondo occidentale che l’ha adottata ed approvata già da molti anni: in Francia è a disposizione delle donne dal 1988.

Le donne che decidono di interrompere la gravidanza potranno scegliere fra due procedure: quella tradizionale che prevede ricovero, anestesia e intervento chirurgico; e quella medica che consiste nella somministrazione in ospedale di due pillole.

Il farmaco rende l’aborto meno invasivo e traumatico per la donna. L’assunzione della RU486 non comporta per la donna l’ingresso in uno stato di patologia: è più simile a un aborto spontaneo ed è psicologicamente più facile da sostenere. La sicurezza del farmaco RU486 è stata confermata sia dall’OMS, sia dall’Emea , l’ente europeo per il controllo dei farmaci.

Nonostante le prove scientifiche, la RU486 non ha convinto la Chiesa, che contro ogni evidenza  parla di “minaccia alla dignità della donna”. Si capisce però che l’idea di donna e di dignità delle autorità religiose sia distante dal modello scelto dalla Comunità Europea.

La Chiesa (e non solo) deve capire che la pillola RU486 non inventa l’aborto, che è sempre stato praticato e, quando era illegale, uccideva e massacrava in Italia migliaia di donne Fra l’altro, dopo la legalizzazione (legge 194), gli aborti in 30 anni si sono dimezzati e in Liguria sono scesi del 60%, passando da 8300 a 2000 casi! 

Fuori da ogni guerra ideologica, semplicemente si accetti che il farmaco evita sofferenze inutili. L’aborto è un dramma per la donna; ma una volta presa la sofferta decisione, perché non optare per una via meno dolorosa? L’aborto non è una colpa da espiare e non ha bisogno di penitenze.



625 visualizzazioni | 0 commenti | |

Aggiungi un commento:
Nome
Cognome

Leave this empty:

 

www.farodelmiopeggio.it - Sito web realizzato da Roberto Palermo - Grafica di Andrea Quinci, in collaborazione con Simone Massardo - Testata di Gianluca Morena