CONTATTI | INFORMAZIONI | DIVENTARE SOCI | SOSTENERE L'ASSOCIAZIONE  
   
[ Giornale 09 gennaio 2014  Disponibile la XXXIII Edizione! PeggioRedazione 03 maggio 2013  Farò del mio peggio News vince il primo premio al "Giornalista per un giorno" Giornale 08 aprile 2013  Disponibile la XXXI Edizione Giornale 24 dicembre 2012  Disponibile la XXIX Edizione Giornale 05 novembre 2012  Disponibile l'edizione XXVIII del "Farò del mio peggio News"! PeggioRedazione 01 novembre 2012  Aggiornata la redazione del giornalino! Giornale 15 giugno 2012  Disponibili l'Edizione XXVI e XXVII del Farò del mio peggio News ]
  HOME | EDIZIONI | REDAZIONE | STORIA | DOCUMENTI | ARTICOLI | CAVOLATE | WEBTV |GALLERIA | LINK | RASSEGNA  
odg

Concorso Nazionale "Fare il giornale nelle scuole"
Vincitore Nazionale VIII Edizione

 
Premio Nazionale "Giornalista per un giorno"
Vincitore Nazionale IV-V-VI-VII-VIII-IX-X Edizione
Primo Premio Nazionale X Edizione
alboscuole
Edizioni
E' on-line il
34^ Numero!!! 34Numero
» Vai alle Edizioni
login
Login

User:

Password:



Password dimenticata?
Vuoi diventare socio?

webtv
Web-Tv
Eventi previsti:
Nessun evento previsto

yt Canale YouTube della Redazione
 
» Vai alla Web-Tv
fb
Facebook
rss
Puoi sottoscrivere i nostri Feed RSS cliccando qui oppure puoi riceverli via e-mail:

cavolate
Cavolate

PROF. GRAVANO: Labate ha fatto uno scritto molto originale, per questo ha preso sette. Chissà come ha fatto!

PATRONE: Eh, istinto di soppravvivenza!


» Vai alle Cavolate
Animali|Ambiente|Attualità|Costituzione|Diritti|Editoriali|Informazione|Interviste|Musica
PeggioRedazione|Politica|Racconti|Recensioni|Religione|Rubriche|Satira|Scienza
Scuola|Società e Costume|Storia|Sport|Tecnologia e Rete|TV e Media|Varie|
 
Libertad
Marta Messeri | Animali | 25 novembre 2010 alle 19:40:15

Un toro. Un uomo. Obiettivo: uccidere.
E' quello che serve in una corrida. Tremenda tradizione popolare, in cui un “matador” deve torturare e ferire mortalmente un toro, che è stato precedentemente irritato in vari modi.
Si tratta di una pratica orribile contro cui, il 21 agosto, gli animalisti hanno protestato, nudi, disposti a forma di toro. L'abolizione delle corride non è più un miraggio: la Catalugna ha decretato che dal 2012 le corride verranno abolite nella regione, su richiesta di 180.000 cittadini.
In effetti, se le altre regioni spagnole seguissero quest'esempio, si metterebbe fine ad una tortura legalizzata verso i tori. Gli animali vengono sottoposti a terribili torture prima, durante e dopo lo “spettacolo”. Nei giorni precedenti la corrida, i tori vengono tenuti al buio, costretti ad assumere droghe e purghe per indebolire le forze. Vengono percossi sulle reni con sacchi di sabbia, gli zoccoli vengono cosparsi di trementina per far sì che gli animali non stiano fermi; la vista viene annebbiata con la vaselina e il respiro viene compromesso con della stoffa nel naso e nella gola. Infine i tori vengono conficcati da numerosi aghi. Dopo tutti questi “trattamenti”, i tori entrano nell'arena dove vengono infilzati ed arpionati da spade che provocano loro emorragie ed ulteriormente colpiti dal “matador”, provocando spesso disfunzioni polmonari. I tori non muoiono subito: vengono trascinati via, agonizzanti, ma ancora coscienti e, quando sono ancora vivi, vengono tagliate loro coda e orecchie, macabri trofei dell'uccisione.
Sfortunatamente, in Spagna, esistono molte altre “feste” in cui vengono massacrati i tori e altri animali come cavalli, galli, ovini ed asini.
E' necessario porre fine a tutte questo. Il toro non è un animale da combattimento e costringerlo alla corrida è sintomo di sadismo e violenza. Gli animali sono e non devono essere più nostri schiavi, nati per essere uccisi, sottomessi, usati, abusati, venduti, moltiplicati e torturati.
Infilzarli per far divertire un gruppo di uomini senza cuore è davvero un'esagerazione! Gli animali hanno il diritto di vivere ed è ingiusto che la loro morte venga derisa e programmata dall'uomo.
La corrida è una tradizione popolare, che risale all'età antica e che si può definire ormai superata. Coloro che la difendono e che difendono ogni tipo di torture e sfruttamento degli animali sono da “prendere come esempio”... per tenere ben a mente come l'uomo non deve più essere!

606 visualizzazioni | 0 commenti | |

Aggiungi un commento:
Nome
Cognome

Leave this empty:

 

www.farodelmiopeggio.it - Sito web realizzato da Roberto Palermo - Grafica di Andrea Quinci, in collaborazione con Simone Massardo - Testata di Gianluca Morena