CONTATTI | INFORMAZIONI | DIVENTARE SOCI | SOSTENERE L'ASSOCIAZIONE  
   
[ Giornale 09 gennaio 2014  Disponibile la XXXIII Edizione! PeggioRedazione 03 maggio 2013  Farò del mio peggio News vince il primo premio al "Giornalista per un giorno" Giornale 08 aprile 2013  Disponibile la XXXI Edizione Giornale 24 dicembre 2012  Disponibile la XXIX Edizione Giornale 05 novembre 2012  Disponibile l'edizione XXVIII del "Farò del mio peggio News"! PeggioRedazione 01 novembre 2012  Aggiornata la redazione del giornalino! Giornale 15 giugno 2012  Disponibili l'Edizione XXVI e XXVII del Farò del mio peggio News ]
  HOME | EDIZIONI | REDAZIONE | STORIA | DOCUMENTI | ARTICOLI | CAVOLATE | WEBTV |GALLERIA | LINK | RASSEGNA  
odg

Concorso Nazionale "Fare il giornale nelle scuole"
Vincitore Nazionale VIII Edizione

 
Premio Nazionale "Giornalista per un giorno"
Vincitore Nazionale IV-V-VI-VII-VIII-IX-X Edizione
Primo Premio Nazionale X Edizione
alboscuole
Edizioni
E' on-line il
34^ Numero!!! 34Numero
» Vai alle Edizioni
login
Login

User:

Password:



Password dimenticata?
Vuoi diventare socio?

webtv
Web-Tv
Eventi previsti:
Nessun evento previsto

yt Canale YouTube della Redazione
 
» Vai alla Web-Tv
fb
Facebook
rss
Puoi sottoscrivere i nostri Feed RSS cliccando qui oppure puoi riceverli via e-mail:

cavolate
Cavolate

(Si parla di legalità in classe e spunta il nome di Berlusconi...)

PROF. BERTONE: non voglio più sentir parlare di politica, né pronunciare quel nome!

PONTE: Tu-Sai-Chi...


» Vai alle Cavolate
Animali|Ambiente|Attualità|Costituzione|Diritti|Editoriali|Informazione|Interviste|Musica
PeggioRedazione|Politica|Racconti|Recensioni|Religione|Rubriche|Satira|Scienza
Scuola|Società e Costume|Storia|Sport|Tecnologia e Rete|TV e Media|Varie|
 
Intervista al Sindaco di Mioglia sugli effetti della Manovra Economica
Roberto Palermo | Attualità | 20 ottobre 2011 alle 12:30:24

Secondo il testo della Manovra Economica a partire dalle prossime elezioni amministrative i Comuni sotto i 1000 abitanti dovranno unirsi tra di loro in Unioni di Comuni. Queste avranno un proprio consiglio, composto dai sindaci dei Comuni che ne fanno parte e due consiglieri per ciascuno, un presidente eletto tra i sindaci ed una giunta. L’Unione sopperirà alle funzioni dei Comuni che include, compresa la gestione del bilancio e della spesa pubblica.

Abbiamo chiesto al Sindaco di Mioglia, Livio Gandoglia, il suo parere sui cambiamenti che interesseranno anche il Comune che amministra.

Sindaco Gandoglia, è questa lunica strada percorribile dal Comune di Mioglia?

La nostra idea, d’accordo con i Comuni limitrofi, sarebbe quella di attuare l’alternativa dei “servizi associati”: ovvero il nostro Comune si assocerebbe con altri sotto i mille abitanti per fornire tutti i srvizi e le funzioni. Per ogni servizio un Comune farà da capofila, in modo che ciascuno abbia dei servizi da gestire, mantenendo così maggiore autonomia. In questo modo non si perderebbe la propria identità perché si sarebbe semplicemente associati ad altri e non inglobati forzatamente in un’Unione di Comuni nella quale il Presidente potrebbe avere la tentazione di privilegiare il proprio Comune d’origine. Infatti i Consigli Comunali avranno solo un potere fittizio, visto che il controllo economico sarà demandato al Consiglio dell’Unione. Con la nostra soluzione inoltre non saremmo soggetti al patto di stabilità, il quale impone dei parametri di spesa portando alla situazione paradossale di avere molti soldi nelle casse comunali e di non poterli spendere per fare i lavori più importanti e costosi. Attualmente i nostri piccoli Comuni non sono limitati da esso, ma con le Unioni dei Comuni ci verrebbe imposto. Siamo già al lavoro con gli altri sindaci per attuare questa soluzione, che impone dei tempi ristretti: entro il 30 settembre 2012 dovremo avere operativi tutti i servizi e le funzioni essenziali.

La nuova normativa ci porterà grossi vantaggi economici o solo delle complicazioni burocratiche?

Sicuramente solo moltissime complicazioni che non portano ad un reale vantaggio economico. Infatti in più del 50% dei Comuni sotto i mille abitanti i sindaci e gli assessori hanno deciso di rinunciare alla propria indennità. Sia Mioglia che i paesi limitrofi hanno un costo della politica nullo. Io ritengo che nelle nostre piccole realtà questo sia un servizio da rendere in maniera gratuita alla comunità come una forma di volontariato. Il nostro Comune ha due impiegate, un operaio, un geometra part-time, un segretario comunale, una consulente finanziaria una volta al mese e riusciamo a dare tutti i servizi necessari: gli uffici comunali sono sempre aperti, abbiamo una scuola primaria ed una secondaria, una farmacia, l’ufficio postale, i servizi bancari una volta alla settimana e ci occupiamo degli anziani tramite il distretto sociale. Il nostro paese ha i servizi che si possono trovare in una cittadina pur essendo un Comune piccolo. Probabilmente un’Unione di Comuni non riuscirebbe a fare il lavoro che attualmente svolgono tutti i nostri piccoli Comuni se non con una maggiore spesa per il personale. Attualmente molti si basano su consulenze esterne, risparmiando, mentre con la nuova normativa non sarebbero più possibili. A mio parere gli svantaggi, anche economici, sarebbero superiori ai vantaggi. Se proprio si fosse voluto risparmiare si sarebbe potuta togliere l’indennità agli amministratori dei piccoli Comuni, anche se si tratterebbe comunque di cifre irrisorie rispetto al risparmio che si avrebbe, per esempio, dimezzando il numero dei deputati. Trovo assurdo che si debba rinunciare a tutto ciò che riusciamo ad offrire: bisognerebbe guardare dove sono realmente gli sprechi invece che fare dei tagli lineari equiparandoci ad altri comuni ben più piccoli che non riescono ad erogare i nostri stessi servizi.

510 visualizzazioni | 0 commenti | |

Aggiungi un commento:
Nome
Cognome

Leave this empty:

 

www.farodelmiopeggio.it - Sito web realizzato da Roberto Palermo - Grafica di Andrea Quinci, in collaborazione con Simone Massardo - Testata di Gianluca Morena