CONTATTI | INFORMAZIONI | DIVENTARE SOCI | SOSTENERE L'ASSOCIAZIONE  
   
[ Giornale 09 gennaio 2014  Disponibile la XXXIII Edizione! PeggioRedazione 03 maggio 2013  Farò del mio peggio News vince il primo premio al "Giornalista per un giorno" Giornale 08 aprile 2013  Disponibile la XXXI Edizione Giornale 24 dicembre 2012  Disponibile la XXIX Edizione Giornale 05 novembre 2012  Disponibile l'edizione XXVIII del "Farò del mio peggio News"! PeggioRedazione 01 novembre 2012  Aggiornata la redazione del giornalino! Giornale 15 giugno 2012  Disponibili l'Edizione XXVI e XXVII del Farò del mio peggio News ]
  HOME | EDIZIONI | REDAZIONE | STORIA | DOCUMENTI | ARTICOLI | CAVOLATE | WEBTV |GALLERIA | LINK | RASSEGNA  
odg

Concorso Nazionale "Fare il giornale nelle scuole"
Vincitore Nazionale VIII Edizione

 
Premio Nazionale "Giornalista per un giorno"
Vincitore Nazionale IV-V-VI-VII-VIII-IX-X Edizione
Primo Premio Nazionale X Edizione
alboscuole
Edizioni
E' on-line il
34^ Numero!!! 34Numero
» Vai alle Edizioni
login
Login

User:

Password:



Password dimenticata?
Vuoi diventare socio?

webtv
Web-Tv
Eventi previsti:
Nessun evento previsto

yt Canale YouTube della Redazione
 
» Vai alla Web-Tv
fb
Facebook
rss
Puoi sottoscrivere i nostri Feed RSS cliccando qui oppure puoi riceverli via e-mail:

cavolate
Cavolate

PROF. D’AMICO: La fertilità degli uomini occidentali è diminuita con i jeans a causa del surriscaldamento dei testicoli, che comporta la morte degli spermatozoi appunto a causa del calore...

BARISONE: E’ come se mettessimo un microonde lì...

. . . . .

ZANELLI (dopo 5 minuti): Prof, posso andare ai servizi?

PROF. D’AMICO: Vai mica a controllare, Zanelli?


» Vai alle Cavolate
Animali|Ambiente|Attualità|Costituzione|Diritti|Editoriali|Informazione|Interviste|Musica
PeggioRedazione|Politica|Racconti|Recensioni|Religione|Rubriche|Satira|Scienza
Scuola|Società e Costume|Storia|Sport|Tecnologia e Rete|TV e Media|Varie|
 
Economia vs scuola
Francesca Cavallo | Scuola | 07 novembre 2011 alle 13:12:28

In questi giorni stiamo vivendo un momento storico per il mondo occidentale, che pare crollare sotto i colpi di falce di orde invisibili ma terrificanti e impietose: “I Mercati”.
Queste orde sono capeggiate da due generali. Il Generale “Economia” manda all’assalto le sue truppe al grido di “productivité, efficacité, compétitivité”;  il Generale “Finanza” elabora le sue strategie di guerra sul principio  “minimizzare il rischio e massimizzare il rendimento dell’investimento!”
Gli Stati in cui viviamo sono diventati tessere del Monopoli che pochi giocatori si scambiano a livello planetario: un, due, tre, un lancio di dadi et voilà l’Occidente è ritornato a Vicolo Corto. 
Ma cosa c’entra tutto questo con la scuola? C’entra, eccome se c’entra! In questo scenario di guerra a colpi di finanza e di economia, i nostri politici progettano la scuola come un’azienda. La merce di questa “industria del sapere” consiste in un numero di ragazzi licenziati e di laureati determinato a tavolino, con i tagli ai budget, con i numeri chiusi e  tutti regolarmente forniti di un prezzo (= valore del diploma).
I nostri insegnanti, “fattore produttivo” fondamentale del processo aziendale, dovrebbero evitare di impartire un insegnamento personale e diventare “supervisori”. 
In questa logica aziendale che ne è di noi studenti in quanto uomini, della nostra capacità di instaurare rapporti umani veri e non virtuali, dell’apprendimento che si realizza tra uomo 
e uomo costruito intorno a idee e a passioni? E poi ci viene chiesto di non
protestare e di non preoccuparci per il nostro futuro.

In realtà, non possiamo indignarci, non possiamo impegnarci perché non ne siamo capaci, perché la pianificazione di una scuola al servizio dell’economia di mercato ci ha isolati. Non saremo mai capaci di animare rivolte studentesche come quelle del ’68, perché siamo stati educati a perseguire la via dell’individualismo, dell’arrivismo e del consumismo. 
Sembrava che la corsa del PIL sarebbe stata inarrestabile ed avrebbe raggiunto dei traguardi materiali sempre più raffinati per tutti, ma il crollo dell’economia occidentale ha mostrato i punti deboli di questo modello.
Tuttavia, il continuo discutere riguardo la necessità di rendere più “concreta” la scuola non basta a nascondere il fatto che sono profondamente inumani l’efficientismo produttivo e la deriva burocratica su cui si vorrebbe rifondare l’ordinamento scolastico (vedi riforme Brunetta-Gelmini).
Nell’ambito della società post-industriale che auspichiamo , la libertà intellettuale di noi giovani (e, dunque, una scuola libera che coltivi l’elemento umano) è una componente insostituibile per un nuovo modello di sviluppo basato sui diritti e non sulle banche.


523 visualizzazioni | 0 commenti | |

Aggiungi un commento:
Nome
Cognome

Leave this empty:

 

www.farodelmiopeggio.it - Sito web realizzato da Roberto Palermo - Grafica di Andrea Quinci, in collaborazione con Simone Massardo - Testata di Gianluca Morena