CONTATTI | INFORMAZIONI | DIVENTARE SOCI | SOSTENERE L'ASSOCIAZIONE  
   
[ Giornale 09 gennaio 2014  Disponibile la XXXIII Edizione! PeggioRedazione 03 maggio 2013  Farò del mio peggio News vince il primo premio al "Giornalista per un giorno" Giornale 08 aprile 2013  Disponibile la XXXI Edizione Giornale 24 dicembre 2012  Disponibile la XXIX Edizione Giornale 05 novembre 2012  Disponibile l'edizione XXVIII del "Farò del mio peggio News"! PeggioRedazione 01 novembre 2012  Aggiornata la redazione del giornalino! Giornale 15 giugno 2012  Disponibili l'Edizione XXVI e XXVII del Farò del mio peggio News ]
  HOME | EDIZIONI | REDAZIONE | STORIA | DOCUMENTI | ARTICOLI | CAVOLATE | WEBTV |GALLERIA | LINK | RASSEGNA  
odg

Concorso Nazionale "Fare il giornale nelle scuole"
Vincitore Nazionale VIII Edizione

 
Premio Nazionale "Giornalista per un giorno"
Vincitore Nazionale IV-V-VI-VII-VIII-IX-X Edizione
Primo Premio Nazionale X Edizione
alboscuole
Edizioni
E' on-line il
34^ Numero!!! 34Numero
» Vai alle Edizioni
login
Login

User:

Password:



Password dimenticata?
Vuoi diventare socio?

webtv
Web-Tv
Eventi previsti:
Nessun evento previsto

yt Canale YouTube della Redazione
 
» Vai alla Web-Tv
fb
Facebook
rss
Puoi sottoscrivere i nostri Feed RSS cliccando qui oppure puoi riceverli via e-mail:

cavolate
Cavolate

(Aula Magna - qualcuno vede un uccello in fondo all’aula di colore rosso...)

PROF. FANNI: E’ un piccione... Ma è rosso... Si vede che sarà schierato politicamente per le prossime elezioni...


» Vai alle Cavolate
Animali|Ambiente|Attualità|Costituzione|Diritti|Editoriali|Informazione|Interviste|Musica
PeggioRedazione|Politica|Racconti|Recensioni|Religione|Rubriche|Satira|Scienza
Scuola|Società e Costume|Storia|Sport|Tecnologia e Rete|TV e Media|Varie|
 
Videogiochi malvagi

Enrico Vena | Varie | 01 dicembre 2011 alle 18:49:31

 

Ognuno di noi ragazzi, ama giocare e passare ore ed ore con videogiochi e per molti è ormai diventata un’abitudine quotidiana. Persone, di solito adulte, vedono questi passatempo elettronici molto male considerandoli nocivi per la salute dei giovani. In particolare, quei videogame che hanno come principale tema la violenza.

  L’ex ministro Fioroni, assieme a gran parte della popolazione, ha paura che un esposizione prolungata da parte di adolescenti, a giochi violenti, possa comportare danni alla personalità, rendendola più prepotente o creare un deterioramento della capacità di apprendimento, dato che il tempo dello studio viene occupato dal joystick. 

Si è pensato tempo fa, di mettere un riquadro in basso a sinistra sulle confezioni dei giochi con un numero corrispondente all’età più o meno “idonea” a cimentarsi con il gioco. Sappiamo tutti però che l’idea è stata praticamente inutile.

Fallito questo tentativo, si capì che gli unici a poter “salvare le innocenti anime” dei ragazzi fossero i genitori, che con il loro sguardo fulminante, la voce possente e il dito indice sempre in posizione parallela al pavimento ad indicare un essere solamente voglioso di spassarsela davanti alla tv o al PC dovevano essere in grado di convincere il figlio a solo una misera ora di divertimento. Nonostante tutto, questa tattica in uso ancora oggi, anche se potente, ha i suoi punti deboli infatti mette in continuo litigio le famiglie italiane.

  Voi non ci crederete ma anche la Commissione Europea si è mobilitata, specificando che in futuro verranno segnalati ad ogni paese tutti i titoli di natura violenta. Il ritiro degli stessi sarà però a discrezione di ogni Governo.

In questo momento gli Stati più rigidi sono la Germania e la Francia dove sono stati vietati totalmente alcuni giochi considerati aggressivi. In parole povere se vi volete divertire statevene in Italia. Nelle medesime Nazioni vennero aboliti cartoni animati in particolare manga Giapponesi sempre per il precedente pretesto come Dragonball. Mitica serie animata. Con esso sono cresciute moltissime generazione, equivale all’Heidi di 40 anni fa e grazie a lui di certo non siamo diventati guerrieri assetati di distruzione.

   Posso capire che non si può stare tutto il giorno davanti alla play-station, anzi. Si dovrebbe uscire con gli amici, magari per un bel giro in moto.

Comunque state tranquilli, potrete dormire sereni, perché i videogiochi più venduti sono quelli con spargimenti di sangue, grazie alla loro vendita le case produttrici guadagnano milioni se non miliardi all’anno e di certo non se ne staranno con le mani in mano quando il loro patrimonio rischierà di scomparire.

397 visualizzazioni | 0 commenti | |

Aggiungi un commento:
Nome
Cognome

Leave this empty:

 

www.farodelmiopeggio.it - Sito web realizzato da Roberto Palermo - Grafica di Andrea Quinci, in collaborazione con Simone Massardo - Testata di Gianluca Morena