CONTATTI | INFORMAZIONI | DIVENTARE SOCI | SOSTENERE L'ASSOCIAZIONE  
   
[ Giornale 09 gennaio 2014  Disponibile la XXXIII Edizione! PeggioRedazione 03 maggio 2013  Farò del mio peggio News vince il primo premio al "Giornalista per un giorno" Giornale 08 aprile 2013  Disponibile la XXXI Edizione Giornale 24 dicembre 2012  Disponibile la XXIX Edizione Giornale 05 novembre 2012  Disponibile l'edizione XXVIII del "Farò del mio peggio News"! PeggioRedazione 01 novembre 2012  Aggiornata la redazione del giornalino! Giornale 15 giugno 2012  Disponibili l'Edizione XXVI e XXVII del Farò del mio peggio News ]
  HOME | EDIZIONI | REDAZIONE | STORIA | DOCUMENTI | ARTICOLI | CAVOLATE | WEBTV |GALLERIA | LINK | RASSEGNA  
odg

Concorso Nazionale "Fare il giornale nelle scuole"
Vincitore Nazionale VIII Edizione

 
Premio Nazionale "Giornalista per un giorno"
Vincitore Nazionale IV-V-VI-VII-VIII-IX-X Edizione
Primo Premio Nazionale X Edizione
alboscuole
Edizioni
E' on-line il
34^ Numero!!! 34Numero
» Vai alle Edizioni
login
Login

User:

Password:



Password dimenticata?
Vuoi diventare socio?

webtv
Web-Tv
Eventi previsti:
Nessun evento previsto

yt Canale YouTube della Redazione
 
» Vai alla Web-Tv
fb
Facebook
rss
Puoi sottoscrivere i nostri Feed RSS cliccando qui oppure puoi riceverli via e-mail:

cavolate
Cavolate

(All’IST di Genova...)

PROF. FANNI: Più tardi prenderemo l’ascensore... Non dovete premere “zero” altrimenti finite nel nulla...


» Vai alle Cavolate
Animali|Ambiente|Attualità|Costituzione|Diritti|Editoriali|Informazione|Interviste|Musica
PeggioRedazione|Politica|Racconti|Recensioni|Religione|Rubriche|Satira|Scienza
Scuola|Società e Costume|Storia|Sport|Tecnologia e Rete|TV e Media|Varie|
 
Intervista alla PeggioRedazione
Roberta Marcoli | PeggioRedazione | 14 ottobre 2012 alle 16:24:21

Come è nato il progetto del giornalino, legato a quale insegnante e con quali intenti didattico-educativi?

 

L’avventura come redattori del giornalino d’istituto cominciò nell’Ottobre 2005. Sotto la guida del Prof D’Amico, l’allora 2^H cominciò a scrivere i suoi primi articoli: dapprima articoli di cronaca, partendo da comunicati stampa, in seguito articoli d’opinione. Fu così che nell’Aprile 2006 uscì, si fa per dire perché non varcò mai le mura dell’aula, il fatidico numero zero! Era un numero di prova, per vedere se il progetto poteva funzionare. L’esperimento andò a buon fine, così l’idea del giornalino d’istituto venne proposta dal Prof. D’Amico al Collegio Docenti che lo inserì come progetto nel POF del Liceo.  Il lancio ufficiale avvenne nel Novembre del 2006, con il numero 1! Va ricordato che il primo direttore della redazione cartacea  fu Antonio Molinari, in carica fino al Giugno 2008, mentre la componente on-line del “Farò del Mio Peggio News” fu affidata a Roberto Palermo. Già in questo primo numero si nota la tendenza dei redattori a misurarsi con  argomenti importanti, quali l’eutanasia e i diritti umani, e la linea del giornale, dichiaratamente laica e libertaria.  

Come si avvicendano le redazioni da una classe a un'altra?

 

Il passaggio del testimone avviene quando la Redazione in carica deve “dare le dimissioni”. Allora accade che durante l’ultimo anno (solitamente il quinto) i redattori uscenti comincino ad insegnare ai futuri opinionisti ogni singolo aspetto dell’elaborazione di un giornale scolastico. Mentre il prof. D’Amico si occupa delle tecniche di scrittura, cioè spiega loro come deve essere strutturato un articolo d’opinione, come suddividere i paragrafi, etc…), i tecnici della vecchia Redazione si preoccupano di illustrare ai neogiornalisti come impaginare il giornale. Inoltre, gli ex curatori del nostro sito ufficiale e di altri numerosi website a cui siamo iscritti come Redazione chiariscono ai successivi direttori web come gestire il caricamento degli articoli online.

Le classi che si passano il testimone della redazione tecnica sono solitamente quelle dell’ex corso Tecnologico (ora  Scienze Applicate). Tuttavia, proprio per i molteplici collaboratori di altre classi, in questi anni la Redazione si è allargata a tutti coloro che ne volessero far parte: tutti i liberi pensatori del liceo che vogliono far sentire la propria voce trovano spazio nelle pagine del “Farò del mio peggio”.

Come lavorano a ogni numero (quanti numeri l'anno?) i membri della redazione? Ci sono rubriche fisse? Decidete gli argomenti collegialmente in modo autonomo o con il professor D'Amico?

Per ottenere il nostro “prodotto finale”, tutta la Redazione si riunisce nel cosiddetto Comitato di Redazione, dove viene discussa la linea editoriale, comunque vincolata ai principi costituzionali, e vengono selezionati (per questione di spazio) gli articoli da inserire, chiaramente già corretti dal prof. D’Amico. Entro una settimana, gli impaginatori devono aver preparato la bozza da mandare in tipografia. Questo avviene più o meno 5 volte l’anno. Vi sono alcune rubriche fisse all’interno del giornale come le “Brevi dal mondo Grassi”, iniziate dall’ormai noto brevista Davide D’Antona, autore di piccoli articoli di cronaca sparpagliati  lungo le nostre 16 pagine; inoltre, è ormai tradizione vedere in terza o in quarta pagina “Ragli e ritagli”, rubrica curata da Davide Carnevale in cui vengono riportate le frasi più infelici pronunciate dai cosiddetti VIP. Gli argomenti vengono decisi collegialmente in base agli eventi del periodo. Tuttavia, alcuni numeri presentano delle tematiche “d’obbligo”: Darwin Day, Giornata della Memoria, festa della Liberazione, festa della Repubblica ed altre feste laiche.


Ci sono innovazioni che avete apportato negli ultimi anni sia organizzative sia di contenuti? Avete delle sovvenzioni?

 

Le innovazioni apportate negli ultimi anni sono un’infinità sul piano grafico e tematico, come l’introduzione del colore, che ha letteralmente lasciato di stucco tutti i nostri lettori, o la “Pagina Voltaire” (una pagina lasciata libera per raccogliere critiche e risposte ai nostri articoli). Le sovvenzioni provengono da accordi stipulati con negozi, società ed associazioni che, in cambio di un logo sul nostro giornale, aiutano lo sviluppo del giornalino donandoci una piccola somma. Per quanto riguarda l’organizzazione, a partire dalla fondazione dell’Associazione di Giornalismo Scolastico “Farò del mio peggio News”, nel 2010, abbiamo istituito un Direttivo di studenti ed ex redattori, che sostiene il Comitato di Redazione.

 
Quali e quanti premi avete vinto?

Il più importante successo, che ha dato il via alla serie, è stato in occasione della IV edizione del premio “Giornalista per un giorno” indetto dall’Associazione Alboscuole, che ci classificava tra le prime 100 redazioni d’Italia fra oltre 1300. Questo premio, vinto anche nella sua V-VI-VII-VIII-IX edizione, è stato affiancato l’anno scorso dal premio “Fare il giornale nelle scuole” indetto dall’Ordine Nazionale dei Giornalisti, un premio per cui avevamo lottato per anni. Un ulteriore premio nazionale, patrocinato dal MIUR e dall’Ordine dei Giornalisti, è stato ritirato quest’anno ad Avellino. Oltre ai numerosi premi vinti, vanno annoverate le collaborazioni con l’ISREC (l’Istituto Storico della Resistenza di Savona), con il Secolo XIX di Genova e  con Alboscuole (Associazione Nazionale di Giornalismo). Ancora, la collaborazione col tg3 Liguria ci ha fruttato un’intervista speciale con tanto di servizio dedicato durante la rubrica “Il settimanale” del 10/01/2010.

449 visualizzazioni | 0 commenti | |

Aggiungi un commento:
Nome
Cognome

Leave this empty:

 

www.farodelmiopeggio.it - Sito web realizzato da Roberto Palermo - Grafica di Andrea Quinci, in collaborazione con Simone Massardo - Testata di Gianluca Morena