CONTATTI | INFORMAZIONI | DIVENTARE SOCI | SOSTENERE L'ASSOCIAZIONE  
   
[ Giornale 09 gennaio 2014  Disponibile la XXXIII Edizione! PeggioRedazione 03 maggio 2013  Farò del mio peggio News vince il primo premio al "Giornalista per un giorno" Giornale 08 aprile 2013  Disponibile la XXXI Edizione Giornale 24 dicembre 2012  Disponibile la XXIX Edizione Giornale 05 novembre 2012  Disponibile l'edizione XXVIII del "Farò del mio peggio News"! PeggioRedazione 01 novembre 2012  Aggiornata la redazione del giornalino! Giornale 15 giugno 2012  Disponibili l'Edizione XXVI e XXVII del Farò del mio peggio News ]
  HOME | EDIZIONI | REDAZIONE | STORIA | DOCUMENTI | ARTICOLI | CAVOLATE | WEBTV |GALLERIA | LINK | RASSEGNA  
odg

Concorso Nazionale "Fare il giornale nelle scuole"
Vincitore Nazionale VIII Edizione

 
Premio Nazionale "Giornalista per un giorno"
Vincitore Nazionale IV-V-VI-VII-VIII-IX-X Edizione
Primo Premio Nazionale X Edizione
alboscuole
Edizioni
E' on-line il
34^ Numero!!! 34Numero
» Vai alle Edizioni
login
Login

User:

Password:



Password dimenticata?
Vuoi diventare socio?

webtv
Web-Tv
Eventi previsti:
Nessun evento previsto

yt Canale YouTube della Redazione
 
» Vai alla Web-Tv
fb
Facebook
rss
Puoi sottoscrivere i nostri Feed RSS cliccando qui oppure puoi riceverli via e-mail:

cavolate
Cavolate

(Si sta introducendo il sistema binario...)

PROF. NODRINI: D’ora in poi, per capire come lavora il computer, abbandoneremo il sistema decimale, quello che avete usato FINO a quando siete nati...


» Vai alle Cavolate
Animali|Ambiente|Attualità|Costituzione|Diritti|Editoriali|Informazione|Interviste|Musica
PeggioRedazione|Politica|Racconti|Recensioni|Religione|Rubriche|Satira|Scienza
Scuola|Società e Costume|Storia|Sport|Tecnologia e Rete|TV e Media|Varie|
 
Equal opportunities. But where?
Francesca Cavallo | Diritti | 18 dicembre 2012 alle 21:40:29

AIESEC (Association Internationale des Etudiants en Sciences Economiques et Commerciales) è una delle più grandi associazioni studentesche di tutto il mondo e si propone di mettere in contatto culture diverse attraverso Scambi Internazionali, che danno la possibilità agli studenti universitari di vivere all’estero, svolgendo attività di volontariato o lavorando in aziende collaboratrici dell’associazione.

Quest’anno anche il “Grassi” ha avuto la possibilità di incontrare tre studentesse straniere, provenienti da Iran, Argentina e Romania. Dopo un’ overview sui rispettivi paesi, le ragazze hanno  risposto alle domande degli studenti, incentrate soprattutto sul tema delle pari opportunità, intorno al quale si è orientato l’intero incontro.

In generale, i loro paesi sono molto simili, nel bene e nel male, all’Italia, ma Klea, ragazza rumena, definisce il suo paese come un ”patriarchal, traditionalist and misogynist country, in which women have the same rights as men only formally, even thought many women have important roles in the politic and social life”.

L’Argentina sembra più avanti nel processo di parificazione dei sessi. Alla domanda: “is Argentina a country in which really women and man have the same rights?” Delfina risponde:” yes, in normal life both genders have the same rights and possibilities; of course, as in any other country, the differences between women and men are huge in poor classes”.

Ci ha stupito molto l’Iran, dipinto da Hanieh  come un paese libero, civile e bellissimo, dove le donne hanno gli stessi diritti e ruoli degli uomini, e dove la religione (anche se i dati forniti dalla ragazza stessa confutano le sue affermazioni: 99% di credenti in un’unica fede, non è certo un indicatore di pluralismo e democrazia!) non ha alcuna influenza sulle scelte personali. Incuriositi e anche un po’ perplessi dall’ intervento, gli studenti hanno chiesto come mai le televisioni occidentali forniscano un’immagine così tragica e, rispetto alla sua rappresentazione, “distorta” dell’Iran. Allora, come è opportuno concepire l’Iran? “A friend of mine came to Iran some years ago. Before leaving from Italy she was scared about my country because of the prejudices Europeans have on it. But when she saw Iran she changed her mind and she convinced herself that Iran was a wonderful country”. Così risponde Hanieh, non riuscendo però a dissolvere totalmente i nostri dubbi.

428 visualizzazioni | 0 commenti | |

Aggiungi un commento:
Nome
Cognome

Leave this empty:

 

www.farodelmiopeggio.it - Sito web realizzato da Roberto Palermo - Grafica di Andrea Quinci, in collaborazione con Simone Massardo - Testata di Gianluca Morena