CONTATTI | INFORMAZIONI | DIVENTARE SOCI | SOSTENERE L'ASSOCIAZIONE  
   
[ Giornale 09 gennaio 2014  Disponibile la XXXIII Edizione! PeggioRedazione 03 maggio 2013  Farò del mio peggio News vince il primo premio al "Giornalista per un giorno" Giornale 08 aprile 2013  Disponibile la XXXI Edizione Giornale 24 dicembre 2012  Disponibile la XXIX Edizione Giornale 05 novembre 2012  Disponibile l'edizione XXVIII del "Farò del mio peggio News"! PeggioRedazione 01 novembre 2012  Aggiornata la redazione del giornalino! Giornale 15 giugno 2012  Disponibili l'Edizione XXVI e XXVII del Farò del mio peggio News ]
  HOME | EDIZIONI | REDAZIONE | STORIA | DOCUMENTI | ARTICOLI | CAVOLATE | WEBTV |GALLERIA | LINK | RASSEGNA  
odg

Concorso Nazionale "Fare il giornale nelle scuole"
Vincitore Nazionale VIII Edizione

 
Premio Nazionale "Giornalista per un giorno"
Vincitore Nazionale IV-V-VI-VII-VIII-IX-X Edizione
Primo Premio Nazionale X Edizione
alboscuole
Edizioni
E' on-line il
34^ Numero!!! 34Numero
» Vai alle Edizioni
login
Login

User:

Password:



Password dimenticata?
Vuoi diventare socio?

webtv
Web-Tv
Eventi previsti:
Nessun evento previsto

yt Canale YouTube della Redazione
 
» Vai alla Web-Tv
fb
Facebook
rss
Puoi sottoscrivere i nostri Feed RSS cliccando qui oppure puoi riceverli via e-mail:

cavolate
Cavolate

(Durante una noiosissima lezione di grammatica, D’Antona sta leggendo sul libro...)

D’ANTONA: “Vincenzo batteva i denti...”

PROF. D’AMICO (interrompendo la lettura): Mai. Io sono come Chuck Norris, i denti battono per la paura che provoco io. Non c’è discussione.


» Vai alle Cavolate
Animali|Ambiente|Attualità|Costituzione|Diritti|Editoriali|Informazione|Interviste|Musica
PeggioRedazione|Politica|Racconti|Recensioni|Religione|Rubriche|Satira|Scienza
Scuola|Società e Costume|Storia|Sport|Tecnologia e Rete|TV e Media|Varie|
 
Lunedì, prima ora di lezione: surf e kayak!
Dalla nostra inviata in Nuova Zelanda, Mount Maunganui
Roberta Marcoli | Scuola | 27 marzo 2013 alle 23:18:45

Dopo 42 ore di volo, dopo aver cambiato cibo, casa, amici, scuola, lingua, mi ritrovo davanti al mio computer con l’intenzione di descrivere, raccontare e riportare ciò che “un’ inviata” può vedere, captare e cercare di decifrare!

Un po' di Geografia? Dove sono, beh, precisamente la mia nuova casa è MOUNT MAUNGANUI, un paese a dir poco splendido, con una storia che risale al tempo dei maori. Uno spot famoso per il surf, immaginate le tipiche foto da sogno con le onde che iniziano a frangere a 100 metri dalla riva e per tutto il giorno, tutti i mesi e tutto l’anno sono lì, continue!

Certo, non ci si può lamentare, a parte il fatto che mi sento un po’ la nonna della scuola. Il primo giorno sono entrata in una delle mie classi (nel prossimo articolo i dettagli: ne ho 7 diverse!) e guardandomi attorno mi sono resa conto di non essere più in quarta liceo, bensì in seconda! Ma sono dettagli, mi sono stupita, e non scherzo, di quanto i ragazzi (e soprattutto le ragazze) dimostrino più anni di quelli che hanno, sarà che ci sono 16enni che guidano la macchina.

I ritmi, le giornate, le belle abitudini italiane, completamente cambiate: il dolce caffè al bar della scuola al mattino prima dell’ora di matematica, NIENTE! Un male? (a parte l’orrido sapore del caffè) NO!

È un’altra vita, un'altra mentalità, niente fretta, niente terrore delle verifiche, delle interrogazioni, niente crampi alla mano per le 400 pagine di appunti, niente cartelle pesanti. Una vita più serena? Più tranquilla sicuramente. Mi sono ritrovata a svegliarmi alla stessa ora che in Italia (ore 6 del mattino), non per vestirmi di fretta e furia e salire al volo sull’autobus, per entrare in orario a scuola, ma per guardare l’alba sul mare, con la tavola da surf sotto braccio, e prendere per un’oretta le onde prima di entrare in classe. La cosa divertente? Alla prima ora del lunedì ho ginnastica: non corriamo fino alle trincee per stare 30 minuti in un campo da calcio; corriamo per prendere il kayak e portarlo alla spiaggia e quindi iniziare le lezioni pratiche.

Ora come ora, da queste poche righe sembra il paradiso: vi assicuro, non è tutto rose e fiori,…,

Fatto sta che mi mancate ragazzi, mi manca il buon caffè, il suono della campanella delle 11 meno 5, e correre in cortile, parlare con i miei amici, quelli di sempre, quelli che da 4 anni mi ascoltano e mi sopportano, l’ansia prima di una verifica di trigonometria o l’interrogazione di chimica, mancano le risate e la consapevolezza di avere sempre qualcuno che parla la tua lingua, che ha le stesse abitudini e tradizioni. Manca la giustificazione per l’entrata in ritardo e salutare gli insegnanti, manca raccontare le avventure a Mimmo!

Insomma, vi saluto. Saluto la redazione, la scuola, i miei prof, la bella Italia coi suoi splendidi pregi (e i suoi difetti)! Ma, soprattutto (sfrutto il Giornalino, scusate), la mia classettina! (in gamba, come sempre!). Un abbraccio che parte dall’altra parte del mondo!

 

Roberta Marcoli, (comunque ed ovunque) 4^H TECNOLOGICO!

746 visualizzazioni | 3 commenti | |
Loretta Russo
03 aprile 2013 alle 11:24:17
Forza Roby! Essere una migrante non è facilissimo, ma è anche il modo migliore per imparare ad arricchire il proprio punto di vista. :)
Andrea Quinci
03 aprile 2013 alle 15:39:35
Diffondi l'articolo Robi, è davvero scritto bene e sai come la penso io sulle altre culture: bisogna comunicare, diffondere, far sì che anche altri le possano assaporare fino in fondo soltanto leggendo i nostri articoli! Concludo complimentandomi per la spettacolarità dei tuoi scritti ;) A presto, cara amica di pizza!:)
Nicolò Patrone
10 aprile 2013 alle 17:05:18
Semper fidelis! Robiii!!! Sono mesi che provo a contattarti e non ci riesco >.< Sappi che manchi a tutti, ma proprio a tutti, anche se c'è gente che non lo dà a vedere ^^ ma non potevi portarci con te come portavi sempre a scuola le tue bestie fra le quali spiccano bruco il truco e aragog? Qui ci sono troppe seste ore, ed uno studio recente appena svolto dalla mia persona ha rivelato che sono la causa principale di suicidio di massa dei neuroni. E quando sarai lì lì per annegare in una delle tue tante lezioni di surf ricordati che, come disse uno striscione durante la partita italia - all blacks del 2012, 18581 chilometri ci dividono ma 18581 birre ci uniscono sbirigudi! :D

Aggiungi un commento:
Nome
Cognome

Leave this empty:

 

www.farodelmiopeggio.it - Sito web realizzato da Roberto Palermo - Grafica di Andrea Quinci, in collaborazione con Simone Massardo - Testata di Gianluca Morena