CONTATTI | INFORMAZIONI | DIVENTARE SOCI | SOSTENERE L'ASSOCIAZIONE  
   
[ Giornale 09 gennaio 2014  Disponibile la XXXIII Edizione! PeggioRedazione 03 maggio 2013  Farò del mio peggio News vince il primo premio al "Giornalista per un giorno" Giornale 08 aprile 2013  Disponibile la XXXI Edizione Giornale 24 dicembre 2012  Disponibile la XXIX Edizione Giornale 05 novembre 2012  Disponibile l'edizione XXVIII del "Farò del mio peggio News"! PeggioRedazione 01 novembre 2012  Aggiornata la redazione del giornalino! Giornale 15 giugno 2012  Disponibili l'Edizione XXVI e XXVII del Farò del mio peggio News ]
  HOME | EDIZIONI | REDAZIONE | STORIA | DOCUMENTI | ARTICOLI | CAVOLATE | WEBTV |GALLERIA | LINK | RASSEGNA  
odg

Concorso Nazionale "Fare il giornale nelle scuole"
Vincitore Nazionale VIII Edizione

 
Premio Nazionale "Giornalista per un giorno"
Vincitore Nazionale IV-V-VI-VII-VIII-IX-X Edizione
Primo Premio Nazionale X Edizione
alboscuole
Edizioni
E' on-line il
34^ Numero!!! 34Numero
» Vai alle Edizioni
login
Login

User:

Password:



Password dimenticata?
Vuoi diventare socio?

webtv
Web-Tv
Eventi previsti:
Nessun evento previsto

yt Canale YouTube della Redazione
 
» Vai alla Web-Tv
fb
Facebook
rss
Puoi sottoscrivere i nostri Feed RSS cliccando qui oppure puoi riceverli via e-mail:

cavolate
Cavolate

PROF. GENTA: Cecinati, perché parlavi?

CECINATI: Prof... Perchè mi sentivo solo...


» Vai alle Cavolate
Animali|Ambiente|Attualità|Costituzione|Diritti|Editoriali|Informazione|Interviste|Musica
PeggioRedazione|Politica|Racconti|Recensioni|Religione|Rubriche|Satira|Scienza
Scuola|Società e Costume|Storia|Sport|Tecnologia e Rete|TV e Media|Varie|
 
W il "Vaffa-day" di Grillo
Francesca Leoncini | 19 agosto 2010 alle 14:56:59

Il flusso anti-politico, che sta vagando per le piazze Italiane sotto la guida di Beppe Grillo,è l’espressione di un malcontento che per troppo tempo è stato “sedato” e nascosto.

L’8 Giugno 2006 il comico genovese presentò a Palazzo Chigi innumerevoli proposte e iniziative,che aveva ricevuto sul suo blog da milioni di Italiani, insieme ad una lettera di licenziamento in caso non fossero state prese in considerazione dal presidente. Nei giorni scorsi,durante un’intervista nel programma televisivo “Porta a Porta”, Romano Prodi ha sollecitato Grillo a “fornire proposte e non critiche”:viene allora spontaneo interrogarsi sulla fine delle famigerate idee presentategli in precedenza e altrettanto giustificato appare l’appellativo conferitogli dal comico di “Alzheimer”. Sembrerebbe inutile- ma date le polemiche futili dei politici non lo è- precisare che quella espressione non alludeva ad alcun tipo di offesa verso le persone affette da tale triste malattia. La protesta dei politici verso Grillo nasce fondamentalmente dal fatto che, in una società dove regna indisturbata la disinformazione, è uno dei pochi, forse l’unico, in grado di smascherare la politica e renderne agli italiani un identikit completo e realistico. Da qui le polemiche e le accuse di coloro che fino ad ora hanno agito indisturbati nei meandri del potere. Attraverso i suoi interventi il comico alimenta una corrente antipolitica che è presente ormai da anni nelle generazioni del futuro.

E’ stata svolta una ricerca,”Euyoupart”(Political Partecipation of Younge People in Europe) a Vienna, per misurare la partecipazione dei giovani alla politica. Un ricercatore del Centro Universitario di Sociologia Politica di Firenze, Marco Bontempi, ha analizzato i dati sull’Italia:”c’è un rifiuto della politica”, ossia disaffezione a istituzioni e partiti, nata dalla sfiducia nella politica tradizionale. Secondo i giovani italiani è più politico boicottare una marca che firmare una petizione di quartiere, più votare che scioperare; il voto è per oltre il 70% dei ragazzi, l’atto più politico che abbiano mai fatto. Sono “figli del disincanto”, perché figli di persone già disincantate, distaccate e diffidenti verso Partiti e Istituzioni. I temi che preoccupano maggiormente noi ragazzi sono, sempre secondo la ricerca citata, la disoccupazione, l’inquinamento, i disastri ambientali, la violenza più che il terrorismo e l’immigrazione. I mezzi, quelli veri, che ne consentono la soluzione non sono il “tifo”a destra o a sinistra, ma l’adesione ad associazioni come Unicef, Amnesty International, Greenpeace. E’ impensabile che le generazioni del futuro vedano rispecchiate le loro speranze, aspettative e valori in video-politici inquisiti e vuoti dentro: per noi giovani è più facile fidarsi di un “ribelle antipolitico” come Beppe Grillo, ecco perché la sua campagna e il vaffa-day alla politica hanno trovato terreno fertile su internet e nelle piazze, luoghi d’incontro dei ragazzi! Recenti indagini giornalistiche hanno smascherato, all’interno del nostro sistema politico, retribuzioni da favola e trattamenti pensionistici che non hanno eguali nell’universo del pubblico impiego e, meno che meno, in Europa. Scorrendo i dati si arriverebbe a molte altre scoperte sul mondo del privilegio e dell’ingiustizia… Penso possa bastare, ma è importante ricordare che liberi pensatori come il nostro comico genovese sono un antidoto al virus dell’ignoranza, non vanno accusati di “remare contro il sistema”, perché zittendo le poche voci di protesta che si elevano fiere e concrete, c’è il rischio di arrivare ad un progressivo declino della democrazia. Se siamo uomini dotati di ragione, usiamo il nostro lume e la nostra libertà.

547 visualizzazioni | 0 commenti | |

Aggiungi un commento:
Nome
Cognome

Leave this empty:

 

www.farodelmiopeggio.it - Sito web realizzato da Roberto Palermo - Grafica di Andrea Quinci, in collaborazione con Simone Massardo - Testata di Gianluca Morena