CONTATTI | INFORMAZIONI | DIVENTARE SOCI | SOSTENERE L'ASSOCIAZIONE  
   
[ Giornale 09 gennaio 2014  Disponibile la XXXIII Edizione! PeggioRedazione 03 maggio 2013  Farò del mio peggio News vince il primo premio al "Giornalista per un giorno" Giornale 08 aprile 2013  Disponibile la XXXI Edizione Giornale 24 dicembre 2012  Disponibile la XXIX Edizione Giornale 05 novembre 2012  Disponibile l'edizione XXVIII del "Farò del mio peggio News"! PeggioRedazione 01 novembre 2012  Aggiornata la redazione del giornalino! Giornale 15 giugno 2012  Disponibili l'Edizione XXVI e XXVII del Farò del mio peggio News ]
  HOME | EDIZIONI | REDAZIONE | STORIA | DOCUMENTI | ARTICOLI | CAVOLATE | WEBTV |GALLERIA | LINK | RASSEGNA  
odg

Concorso Nazionale "Fare il giornale nelle scuole"
Vincitore Nazionale VIII Edizione

 
Premio Nazionale "Giornalista per un giorno"
Vincitore Nazionale IV-V-VI-VII-VIII-IX-X Edizione
Primo Premio Nazionale X Edizione
alboscuole
Edizioni
E' on-line il
34^ Numero!!! 34Numero
» Vai alle Edizioni
login
Login

User:

Password:



Password dimenticata?
Vuoi diventare socio?

webtv
Web-Tv
Eventi previsti:
Nessun evento previsto

yt Canale YouTube della Redazione
 
» Vai alla Web-Tv
fb
Facebook
rss
Puoi sottoscrivere i nostri Feed RSS cliccando qui oppure puoi riceverli via e-mail:

cavolate
Cavolate

(Entrano i rappresentanti d’Istituto per le firme per l’assemblea generale...)

RAPPRESENTANTE: Scusi prof, posso rubarle un attimo i rappresentanti di classe per una firma? Dovremmo fare l’assemblea d’Istituto...

PROF. xXx: Andate va... Andate a mettere la vostra importante X...


» Vai alle Cavolate
Animali|Ambiente|Attualità|Costituzione|Diritti|Editoriali|Informazione|Interviste|Musica
PeggioRedazione|Politica|Racconti|Recensioni|Religione|Rubriche|Satira|Scienza
Scuola|Società e Costume|Storia|Sport|Tecnologia e Rete|TV e Media|Varie|
 
Squatter
Un modo di vita totalmente diverso dal nostro
Marco Masoni | 19 agosto 2010 alle 15:15:02

Squatting, occupare illegalmente proprietà vuote per viverci. Sono almeno cinque mila in tutt'Italia, mentre nel mondo se ne contano più di un miliardo; i loro luoghi d'incontro privilegiati, i centri sociali autogestiti, sono circa 2000, sparsi per città e piccoli paesi. In Italia l’unica regione in cui non si registra la presenza degli squatter è la Valle d’Aosta. E’ un movimento che ha trovato terreno fertile a partire dagli anni Settanta nelle realtà metropolitane, in speciale modo nelle grandi capitali europee, come Londra, Barcellona, Amsterdam ma anche Torino. Oltreoceano il fenomeno si è risvegliato negli ultimi anni in città come Buenos Aires, in seguito alla crisi economica.

Negli Stati Uniti, la città più rappresentativa per la presenza di squatter è senz’altro New York. Sono stati recentemente i media a battezzarli così, con un termine che letteralmente significa “occupanti abusivi”. All'antiterrorismo li definiscono i "nuovi antagonisti". Loro non si definiscono nè squatter, nè antagonisti, neppure, tranne qualche eccezione, "compagni" o "fratelli", si chiamano semplicemente per nome, o meglio con soprannomi, parlano gerghi che variano da zona a zona. Hanno però canali di comunicazione nazionali ed internazionali: alcune radio locali e soprattutto le reti telematiche. Ribelli, emarginati, anarchici, autonomi, semplicemente giovani gli squatter sembrano essere tutto ciò, con gradazioni e sfumature diverse da città a città, da centro sociale a centro sociale, da un mese ad un altro. La questione squatter, dopo i grossi scontri avvenuti tra polizia e occupanti a metà degli Anni Novanta, è tornata alla ribalta con Mike Bloomberg, che ha deciso di mettere da parte i manganelli per tentare di far entrare nella legalità le case occupate. Svendendo le abitazioni, infatti, il comune della Grande Mela fece una proposta agli occupanti: comprare gli appartamenti al prezzo simbolico di un dollaro. In cambio i coinquilini "legalizzati" dovranno pagare a rate la ristrutturazione. Gli occupanti sono arrivati vent'anni fa un po' da tutto il mondo e si sono impossessati di diversi edifici abbandonati e fatiscenti. Prima di scrivere questo articolo non sapevo proprio chi fossero e non avevo mai sentito parlare neanche dai telegiornali di questi “fanatici squatter”. Voi, ora come ora, ce la fareste a vivere come loro? In una casa occupata? Io… non ce la farei mai, mi sentirei troppo a disagio visto che starei tutto il giorno con la paura di essere cacciato. Ho letto varie storie di gente squatter e la cosa che mi ha colpito di più è il loro slogan: “Non delegare, non votare, urla la tua opposizione! Nè servi nè padroni!"

474 visualizzazioni | 0 commenti | |

Aggiungi un commento:
Nome
Cognome

Leave this empty:

 

www.farodelmiopeggio.it - Sito web realizzato da Roberto Palermo - Grafica di Andrea Quinci, in collaborazione con Simone Massardo - Testata di Gianluca Morena